La trasparenza a 5 stelle, una bufera da affrontare

I pentastellati riusciranno a superare orgogliosamente la tempesta che si sta abbattendo su di loro. Ad una indispensabile condizione però…

“Desidero che ogni vita umana sia pura e trasparente libertà”. (Simone de Beauvoir)

“La nozione di chiarezza, per nostra disgrazia, pare essere intrinsecamente e fatalmente oscura”. (Edoardo Sanguineti)

“È preferibile parlar chiaro e vuotare il sacco. Ogni parola che rimane nel gozzo incancrenisce”. (Joan Fuster, scrittore spagnolo)

“La verità è come il vetro che è trasparente, se non è appannato per nascondere quello che c’è dietro basta aprire bocca e dargli fiato”. (Simone Cristicchi, cantautore e scrittore italiano)

5 STELLE, UNA BUFERA DA AFFRONTARE

I grillini riusciranno a superare orgogliosamente la tempesta (esagerata, strumentale) che si sta abbattendo su di loro. Ad una indispensabile condizione però. È importante e urgente che sia fatta pulizia, presto e in modo trasparente.

DESIDERO SPIEGARMI CON CHIAREZZA

E perciò, oggi più che mai, vorrei spiegarmi con chiarezza, per non rischiare di essere ruvidamente accusato di irragionevole filo-grillismo da coloro che detestano Beppe Grillo e i suoi seguaci. Quindi, schematicamente, metto in fila cinque pensieri. Il primo, a scanso di fraintendimenti… Non ho relazioni personali con i rappresentanti dei Cinquestelle, amicizie, interessi di qualsiasi genere, non ne conosco neanche uno: la mia é una semplice attenzione giornalistica.

ONESTA’ E CAMBIAMENTO, QUESTO È IL FASCINO

Secondo. Sono affascinato dalla loro voglia di recuperare e sostenere, in primo luogo, il valore fondamentale dell’onestà; e, di conseguenza di progettare profondi cambiamenti.

I MICIDIALI EPISODI TRUFFALDINI

Terzo. Penso dunque che siano molto dannosi per il movimento, anzi micidiali, gli episodi di quei grillini che non hanno tenuto fede, di nascosto, con comportamenti miserevoli e truffaldini, all’impegno – preso pubblicamente – di rinunciare ai loro compensi e di agire con onestà.

DI MAIO DEVE INTERVENIRE SUBITO

Quarto, È indispensabile, dunque, che il leader Luigi Di Maio non solo annunci, come ha già fatto, provvedimenti esemplari e punitivi, ma riesca presto e con chiarezza a dimostrare di voler fare pulizia, a tutti gli effetti. Al contrario di quanto fanno abitualmente le altre forze politiche, da cui i grillini vogliono distinguersi.

UN’INDIGNAZIONE PENOSA…

Quinto. Un po’ mi fa sorridere e molto mi indigna il coro moraleggiante degli altri partiti – in prima fila Matteo Renzi e il “suo” Pd – che farebbero bene a guardare le numerose rogne in casa loro.

DUE PAROLE ANCHE SU DI BATTISTA

In conclusione, spero che Di Maio agisca con severità: se questo avverrà, i grillini riusciranno ad uscire dalla bufera. Perché gli italiani non sono affatto “rincoglioniti”, come incredibilmente ha sostenuto Di Battista. Dibba è il grillino – naïf – che mi è più simpatico, ma per questa gaffe mi aveva molto deluso. Ieri sera, a “Di martedì” (incalzato ovviamente da tutti) mi è sembrato persuasivo, esprimendo la sua passione, ammettendo le impulsive ingenuità.