‘Italia più sicura senza la famiglia Boschi’, parla Gasparri

Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia e vicepresidente del Senato, è intervenuto stamattina su Radio Cusano Campus e ha commentato le parole del Ministro Boschi a proposito di sicurezza connessa alla riforma costituzionale: "Il Ministro Boschi dice che con questa riforma saremo più sicuri contro il terrorismo? Sì, anche contro le scottature solari, uno si mette gli impacchi di emendamenti approvati proteggono dalle scottature e fanno anche passare la dissenteria. Un Paese senza la famiglia Boschi sarebbe più sicuro, così almeno non c’è il padre vicepresidente di Banca Etruria a mettere in pericolo i risparmi, almeno secondo le accuse che gli vengono formulate e che gli auguro di poter smentire se andrà a processo. E intanto in Puglia c’è per la seconda volta un sintomo di terrorismo. Salah partì dalla Puglia, ora leggiamo che questo terrorismo islamico che ha portato morte e distruzione a Nizza era in Puglia, dove c’è pare qualcuno che favoriva la raccolta di armi attraverso alcuni albanesi, cosa che pare esista anche a Ventimiglia. Il Governo pensi a fronteggiare questi pericoli invece di dire fesserie". 

Sull’ingresso di Zanetti in Ala: "Zanetti è un personaggio di nessuna rilevanza politica. E’ un viceministro che non ha nemmeno le deleghe, si occupa solo di parlare a vuoto, ha un profilo irrilevante. Il trasformismo parlamentare purtroppo è una malattia antica. Il nuovo centro di cui parla Alfano? Sento parlare del centro che torna che è come il mostro di Lochness, tutti dicono che esiste ma nessuno l’ha mai visto. Il centro non tornerà mai".

NESSUN COMMENTO

Comments